Firefox – Eliminare elementi memorizzati nei moduli (form)

August 6th, 2014 No comments

firefox

Una delle funzioni più comode di tutti i browser è quella di memorizzare nei campi di una form ciò che viene scritto. In particolare nelle pagine di login (posta, homebanking e altri servizi) viene memorizzato lo username, e questo potrebbe essere già di per se un problema per la sicurezza (soprattutto se il PC è usato da più persone). Peggio ancora, può capitare  che a volte, durante l’autenticazione  e nella fretta vai a scrivere la password nel campo username :-0 !!! La tua supercazzuta password viene memorizzata in chiaro!!!

images

 

 

 

 

 

Come fare? Come fare a cancellare la cronologia dei moduli?

Su Firefox c’è un sistema molto semplice per eliminare dalla cronologia  uno degli elementi inseriti in precedenza in un modulo:

  1. Fare clic sul campo del modulo e premere il tasto Freccia in basso per visualizzare tutti gli elementi memorizzati. (Si può limitare il numero di elementi da visualizzare digitando le prime lettere dell’elemento da eliminare).
  2. Utilizzare il tasto Freccia in basso o il cursore del mouse per evidenziare l’elemento da eliminare.
  3. Premere Maiusc+Canc per eliminare l’elemento.

Più in generale se si desidera evitare il salvataggio dei dati inseriti nei moduli, è possibile disattivare completamente questa funzionenel seguete modo:

  1. Fare clic sul pulsante dei menu New Fx Menu e selezionare Preferenze.

  2. Selezionare il pannello Privacy.
  3. Nel menu a discesa accanto alla voce Impostazioni cronologia: scegliere utilizza impostazioni personalizzate.
  4. Deselezionare la casella accanto alla voce Conserva la cronologia delle ricerche e dei moduli.
  5. Chiudere la finestra delle preferenze.

Nota Bene: La disattivazione della funzione di completamento automatico dei moduli impedirà anche il salvataggio della cronologia delle ricerche quando si utilizza la Barra di Ricerca

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Categories: Articolo per tutti, Utilità Tags:

Come rimuovere la protezione DRM ebook del Kindle

June 10th, 2014 No comments

drm-removeQuando aquisti un ebook (per Kindle) questo è protetto, cioè non puo essere letto in altri dispositivi. Questo vuol dire che non puoi leggerti il libro appena aquiistato magari sul tuo iPad oppure prestarlo ad un amico. Questo limite alla fruizione dell’ebook rende questa tecnologia  imparagonabile rispetto all’offerta dalla carta stampata.

Questo ostacolo però non è insormantabile. E’ infatti possibile rimuovere questa protezione in modo da avere maggiore controllo su un prodotto acquistato. Resta inteso che rimuovere il DRM non è un’operazione legale! Questa guida , quindi, è destinata esclusivamente a coloro che scelgono di rimuovere DRM da i loro ebooks per poterli leggere su altri dispositivi.

Vediamo ora passo passo quali sono le operazioni da eseguire per rimuovere il DRM:

NB: questa guida è valida per quasi tutti i sistemi operativi (Windows, Mac OSx, Linux)

Utilizzando il programma Kindle per PC si possono recuperare i propri libri acquistati (la directory dipende dal sistema operativo). Se non si vuole (o non si può nel caso di Linux) utilizzare questo programma è sufficiente scaricare i libri dal kindle sul computer attraverso il collegamneto USB copiando i file ebook (quelli con estensione AZW)

 

Calibre è un potente gestore di libri elettronici  Può essere usato per organizzare la libreria, convertire i libri in vari formati e connettersi con un lettore eReader. Permette di organizzare i libri elettronici, modificarne le informazioni essenziali, come titolo o autore, visualizzarli sul PC ed eventualmente inviarli ad un dispositivo portatile.

 

Installare il plugin di rimozione DRM per Kindle in Calibre selezionando “Preferenze” dal menu in alto Dalla finestra delle preferenze è necessario selezionare “Plugins” e quindi scegliere “Carica plugin da file”. Individuate dove avete scompattato gli strumenti di rimozione DRM e selezionare la cartella “Calibre_Plugins” e quindi scegliere il file K4MobiDeDRM_plugin.zip. Come con tutti i plugin, c’è una finestra di dialogo sul rischio per la sicurezza che si apre, si deve cliccare su sì per continuare. Dopo aver installato il plugin è necessario chiudere Calibre e riavviarlo.

 

A questo punto ogni volta che un ebook Kindle viene caricato su Calibre utilizzando “Aggiungi libri” la rimozione del DRM avviene automaticamente al momento dell’importazione permettendovi così di convertire il libro nel formato che preferite.

 

**** ads ****

Schermata 2014-09-13 alle 01.26.59

************

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Configurazione rete su Windows

April 15th, 2014 No comments

Dopo aver spiegato come si configura la rete su Linux, ecco i passi per la configurazione di un indirizzo IP in ambiente WIndows

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

[Linux] Come estrarre file 7z

April 9th, 2014 No comments

7-zipI file 7z non sono altro che degli archivi compressi, come i zip e i rar, che possono contenere qualsiasi tipo di file. Per estrarre i contenuti di tali file sotto linux (CentOS) è sufficiente installare p7zip

sudo yum install p7zip

una volta installato il programma va lanciato il comeando 7za

7za x file.7z

PS:

per Windows potete usare 7-zip

Per Mac OSx potete usare Ez7z

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Categories: Articolo Tecnico, Software Tags:

Internet e la privacy – limitare la pubblicità

February 14th, 2014 No comments

Schermata 02-2456703 alle 12.43.51Ormai ci ho rinunciato…Cercare di mantenere un poco di privacy su Internet è veramente difficile…Google, Apple, Amazon e molte altre, sono tutte società che a livello di marketing collaborano tra di loro…Vi faccio un esempio…Ero loggato su google e stavo cercando il formato pdf del “Piccolo Principe” di  Antoine de Saint-Exupéry. Fino a qua nulla di speciale…il “problema” è che il giorno dopo mi è arrivata un email da Amazon in cui mi invitavano a comprare la versione Kindle del suddetto libro :-(

Capito che roba? Ora, nulla di grave…Ma questa cosa fa capire in modo siamo monitorati.

Come dicevo prima non voglio farne un dramma…Anche perchè grazie a Dio non ho nulla da nascondere e anche perchè diventerebbe troppo stressante combattere contro questo sitema.

Ci sono però alcune cose che possiamo fare come per esempio limitare il bomabrdaemnto pubblicitario dei vari siti che visitiamo (primi fra tutti Gmail e Facebook) utilizzando dei semplici plugin per Firefox e/o Chrome. Mi vengono in mente Ad Block e Ghostery

Prenderò in considerazione solo il secondo….

Ghostery cerca gli elementi di pagine esterne (o “tracker”) nelle pagine web visitate. Tali elementi Read more…

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Come creare una chiavetta USB avviabile per installare Windows 8

January 15th, 2014 No comments

Se avete la necessità di installare Windows 8 su un netbook o qualsiasi portatile/PC che non abbia un lettore DVD, è posibile usare un supporto USB.

Di seguito i passi principali per creare una chiavetta USB avviabile per installare Windows 8:

Una volta installato questo Tool seguire le semplici istruzioni per rendere la chiavetta avviabile.

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Categories: Sistemi Operativi Tags:

Come riparare il tasto home dell’iPhone

January 13th, 2014 No comments

Schermata 01-2456671 alle 16.09.29

Se il tasto home del vostro iPhone fa i  capricci non disperate: solo una piccola parte dei tasti home degli iPhone 4/4s non funzionano per motivi legati all’hardware.

Provate a seguire queste due semplici soluzioni:

1 – Calibrazione

  • Aprire un’applicazione nativa (Telefono, Orologio, Contatti…)
  • Tenere premuto il tasto di spegnimento fino a quando non compare la scritta “Spegni”.
  • Non appena compare tale scritta, lasciare il tasto di spegnimento e tienere premuto il tasto Home. Dopo circa 6-8 secondi l’applicazione aperta si chiuderà

A questo punto la calibrazione è stata effettuata e ora il tasto Home dovrebbe funzionare meglio.

2 – Pulizia

Molto probabilmente la casua del malfunzionamento è dovuta alla sporcizia (polvere e altra robaccia). Spesso basta una bella soffiata energetica ma meglio ancora sarebbe utilizzare un prodotto specifico. Sto parlando dell’alcool isopropilico a spray (econimico facilmemte rimediabile dal ferramenta). E’ sufficiente spruzzare l’alcool nell’ingresso dock e sul tasto Home (premete continuamente il tasto home per far filtrare il liquido all’interno) facendo attenzione a non sporcare il display.

 

Ultima spiaggia

Se nemmeno così risolvete il problema e non volete spendere soldi per farlo cambiare potete abilitare il tasto Home via software in questo modo: andate su Impostazioni > Generali > Accessibilità > AssistiveTouch e abilitate l’apposita funzione. Fatto questo  apparirà  sullo schermo la versione virtuale del tasto Home

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Categories: Articolo per tutti, Software Tags: ,

Come modificare un foglio Excel su iPhone o iPad

October 17th, 2013 No comments

Ci sono diversi modi per lavorare su un foglio Excel su i dispositivi della Apple…La prima soluzione che mi viene in mente è quella di utilizzare  Google Drive, l’applicazione (gratuita) ufficiale di Google che consente di lavorare sui file (documenti di testo, presentazioni e fogli di calcolo) creati della suite di MS Office (e simili). Come ogni “prodotto” Google per funzionare ha bisogno di un accont Gmail.

Google Drive funziona online ma puoi attivare la funzione di accesso offline per i documenti che ritieni di dover utilizzare anche in assenza di una connessione Internet.

Altra applicazione gratuita che permette di elaborare file Word, Excel, Powerpoint è Quickoffice, anche questa profondamente integrata con Google Drive (sopratutto da quando nel 2012 Google  l'ha acquistata ;-) ). L'ultima versione permette di gestire archivi ZIP e visualizzare i grafici nei documenti Excel e Powerpoint...Insomma uno strumento ottimo per gestire i nostri documenti...

E pensare a quando 15 anni fa, per installare Microsoft Word sul PC, ci volevano 19 floppy da 3,5 pollici!

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

VoIP – debug e troubleshooting traffico SIP con ngrep

June 6th, 2013 No comments

http://ithelpblog.com/wp-content/uploads/2013/01/SIP1.pngCon questo articolo tecnico ritorniamo ad occuparci di VoIP e in particolare del troubleshooting del traffico SIP.

Il comando essenziale che dobbiamo utilizzare è “ngrep”.  Per installarlo su una macchian Ubuntu basta scrivere sul terminale

apt-get install ngrep

Vediamo ora la modalità di utilizzo direttamente con alcuni esempi:

Sniffare tutto il traffico SIP:

ngrep -qt -W byline port 5060
# ngrep -qt -W byline port 5060
interface: eth0 (192.168.0.0/255.255.255.0)
filter: (ip or ip6) and ( port 5060 )T 2013/04/27 05:59:09.541776 192.168.0.200:52018 -> 192.168.0.114:5060 [A]……T 2013/04/27 05:59:09.541837 192.168.0.200:52018 -> 192.168.0.114:5060 [AP]
REGISTER sip:openuctest.com SIP/2.0.
Via: SIP/2.0/TCP 192.168.0.200:36752;branch=z9hG4bK-d8754z-95798a09824c9c00-1—d8754z-;rport.
Max-Forwards: 70.
Contact: <sip:200@192.168.0.200:36752;rinstance=85aa8608b85349aa;transport=TCP>.
To: “200″<sip:200@openuctest.com>.
From: “200″<sip:200@openuctest.com>;tag=745f025a.
Call-ID: N2E0NDg0NTdlYmFmNTY2NjM0NGNmOWNkNDE1YWM0YmE..
CSeq: 1 REGISTER.
Expires: 3600.
Allow: INVITE, ACK, CANCEL, OPTIONS, BYE, REFER, NOTIFY, MESSAGE, SUBSCRIBE, INFO.
Supported: replaces.
User-Agent: Bria Professional release 2.4 stamp 49381.
Content-Length: 0.
.
T 2013/04/27 05:59:10.478656 192.168.0.114:5060 -> 192.168.0.200:52018 [AP]
SIP/2.0 408 Request timeout.
From: “200″<sip:200@openuctest.com>;tag=745f025a.
To: “200″<sip:200@openuctest.com>;tag=VmNa8r.
Call-Id: N2E0NDg0NTdlYmFmNTY2NjM0NGNmOWNkNDE1YWM0YmE..
Cseq: 1 REGISTER.
Via: SIP/2.0/TCP 192.168.0.200:36752;branch=z9hG4bK-d8754z-95798a09824c9c00-1—d8754z-;rport=52018.
Server: sipXecs/4.6.0 sipXecs/sipXproxy (Linux).
Content-Length: 0.
.T 2013/04/27 05:59:10.678860 192.168.0.200:52018 -> 192.168.0.114:5060 [A]
……

Sniffare e filtrare sull’indirizzo IP 192.168.0.200

ngrep -qt 192.168.0.200 -W byline port 5060

Sniffare e filtrare sull’utente “pippo”

ngrep -qt pippo -W byline port 5060

Sniffare e filtrare solo i pacchetti SIP con il metodo INVITE

ngrep -W byline -d eth0 INVITE

(articolo originale: http://ithelpblog.com/voice/troubleshooting-and-debug-voip-sip-by-ngrep-command/)

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Gmail cambia interfaccia

May 31st, 2013 No comments

Il popolarissimo servizio di posta di Google, sta attivando un restyling delle funzioni disponibili nella webmail, ossia nella consultazione della casella tramite browser su computer, smartphone o tablet: in particolare sta introducendo le schede, una suddivisione utile per organizzare la mail in arrivo.

Schede Gmail

Le schede raggruppano i messaggi per categoria in modo molto chiaro: le categorie predefinite sono Principale (mail provenienti dai contatti), Social (mail dai social network) e Promozioni (pubblicità, offerte e simili), ma possono essere personalizzate anche aggiungendone due in più (Aggiornamenti e Forum).

La nuova interfaccia è già attiva per alcuni account mentre per altri verrà attivata automaticamente nei prossimi giorni per la consultazione via Web e per quella tramite l’app Android o iOS. Se volete averla subito sul computer, andate nelle impostazioni di Gmail (icona dell’ingranaggio in alto a destra), scegliete Configura casella di posta e poi selezionate quali schede volete attivare. Salvate e cimentatevi con il nuovo look, che consente di spostare i messaggi da una scheda all’altra semplicemente trascinandoli oppure facendo clic con il pulsante destro e poi scegliendo Sposta nella scheda.

schede gmail

(articolo originale di Paolo Attivissimo)

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo con e

Categories: Articolo per tutti, Internet Tags: ,