Archive

Archive for the ‘Sistemi Operativi’ Category

Come rintracciare il proprio cellulare Android

April 26th, 2016 No comments

Qualsiasi dispositivo Android provvisto di collegamento ad Internte e che abbia attivata la localizzazione è facilmente rintracciabile.

Per utilizzare Android infatti è necesario possedere un account google.

E’ prorpio grazie a questo che possiamo essere in grado di localizzare il nostro cellulare indiopependentemente dalla marca (Samsung, LG, HTC, Asus ecc)

Google fornisce un sistema molto simile a Find my iPhone della Apple che si chiama Android Device Manager.

Attraverso questo pannello di controllo raggiungibile da qualsiasi browser troveremo tutti i dispositivi legati al nostro account.

Inoltre sempre attraverso questa interfaccia web sarà possibile far squillare e/o bloccare il nostro dispositivo o cancellare tutti i dati in esso contenuti

Gestione Dispositivi Android

Come rimuovere la protezione DRM ebook del Kindle

June 10th, 2014 No comments

Quando aquisti un ebook (per Kindle) questo è protetto, cioè non puo essere letto in altri dispositivi. Questo vuol dire che non puoi leggerti il libro appena aquiistato magari sul tuo iPad oppure prestarlo ad un amico. Questo limite alla fruizione dell’ebook rende questa tecnologia  imparagonabile rispetto all’offerta dalla carta stampata.

Questo ostacolo però non è insormantabile. E’ infatti possibile rimuovere questa protezione in modo da avere maggiore controllo su un prodotto acquistato. Resta inteso che rimuovere il DRM non è un’operazione legale! Questa guida , quindi, è destinata esclusivamente a coloro che scelgono di rimuovere DRM da i loro ebooks per poterli leggere su altri dispositivi.

Vediamo ora passo passo quali sono le operazioni da eseguire per rimuovere il DRM:

NB: questa guida è valida per quasi tutti i sistemi operativi (Windows, Mac OSx, Linux)

Utilizzando il programma Kindle per PC si possono recuperare i propri libri acquistati (la directory dipende dal sistema operativo). Se non si vuole (o non si può nel caso di Linux) utilizzare questo programma è sufficiente scaricare i libri dal kindle sul computer attraverso il collegamneto USB copiando i file ebook (quelli con estensione AZW)

 

Calibre è un potente gestore di libri elettronici  Può essere usato per organizzare la libreria, convertire i libri in vari formati e connettersi con un lettore eReader. Permette di organizzare i libri elettronici, modificarne le informazioni essenziali, come titolo o autore, visualizzarli sul PC ed eventualmente inviarli ad un dispositivo portatile.

 

Installare il plugin di rimozione DRM per Kindle in Calibre selezionando “Preferenze” dal menu in alto Dalla finestra delle preferenze è necessario selezionare “Plugins” e quindi scegliere “Carica plugin da file”. Individuate dove avete scompattato gli strumenti di rimozione DRM e selezionare la cartella “Calibre_Plugins” e quindi scegliere il file K4MobiDeDRM_plugin.zip. Come con tutti i plugin, c’è una finestra di dialogo sul rischio per la sicurezza che si apre, si deve cliccare su sì per continuare. Dopo aver installato il plugin è necessario chiudere Calibre e riavviarlo.

 

A questo punto ogni volta che un ebook Kindle viene caricato su Calibre utilizzando “Aggiungi libri” la rimozione del DRM avviene automaticamente al momento dell’importazione permettendovi così di convertire il libro nel formato che preferite.

**** ads ****

Schermata 2014-09-13 alle 01.26.59

************

Configurazione rete su Windows

April 15th, 2014 No comments

Dopo aver spiegato come si configura la rete su Linux, ecco i passi per la configurazione di un indirizzo IP in ambiente WIndows

Come creare una chiavetta USB avviabile per installare Windows 8

January 15th, 2014 No comments

Se avete la necessità di installare Windows 8 su un netbook o qualsiasi portatile/PC che non abbia un lettore DVD, è posibile usare un supporto USB.

Di seguito i passi principali per creare una chiavetta USB avviabile per installare Windows 8:

Una volta installato questo Tool seguire le semplici istruzioni per rendere la chiavetta avviabile.

Categories: Sistemi Operativi Tags:

Come modificare un foglio Excel su iPhone o iPad

October 17th, 2013 No comments

Ci sono diversi modi per lavorare su un foglio Excel su i dispositivi della Apple…La prima soluzione che mi viene in mente è quella di utilizzare  Google Drive, l’applicazione (gratuita) ufficiale di Google che consente di lavorare sui file (documenti di testo, presentazioni e fogli di calcolo) creati della suite di MS Office (e simili). Come ogni “prodotto” Google per funzionare ha bisogno di un accont Gmail.

Google Drive funziona online ma puoi attivare la funzione di accesso offline per i documenti che ritieni di dover utilizzare anche in assenza di una connessione Internet.

Altra applicazione gratuita che permette di elaborare file Word, Excel, Powerpoint è Quickoffice, anche questa profondamente integrata con Google Drive (sopratutto da quando nel 2012 Google  l’ha acquistata 😉 ). L’ultima versione permette di gestire archivi ZIP e visualizzare i grafici nei documenti Excel e Powerpoint…Insomma uno strumento ottimo per gestire i nostri documenti…

E pensare a quando 15 anni fa, per installare Microsoft Word sul PC, ci volevano 19 floppy da 3,5 pollici!

Mac OSX – Visualizzare File nascosti

April 2nd, 2013 No comments

Spesso può essere utile  visualizzare i file o directory nascoste sul Mac. Ecco come fare:

  1. Aprire il terminale (si trova in /Applicazioni /Utility/)
  2. Al prompt dei comandi digitare:
  3. Premere Invio per eseguire il comando.
  4. defaults write com.apple.finder AppleShowAllFiles-bool true
  5. Affinché le modifiche abbiano effetto è necessario o disconnettersi e riconnettersi di nuovo, o rilanciare Finder (questo può essere fatto tramite “uscita forzata” oppure digitando ‘killall Finder’ in una finestra di terminale).

Per tornare alla situazione precedente (non far visualizzare file o cartelle nascoste) basta digitare sul terminale la seguente stringa:

defaults write com.apple.finder AppleShowAllFiles-bool false

Configurazione rapida del bonding su Ubuntu

September 26th, 2012 No comments

Linux_BondingCon il termine “bonding” s’intende l’aggregazione di due o più interfacce di rete fisiche in una singola interfaccia virtuale, per ottenere tolleranza ai guasti e bilanciamento di carico.

Una buona pratica nella configurazione di un server, dotato di un minimo due interfacce di rete, prevede il collegamento a due *differenti* switch di accesso per garantire la ridondanza dei servizi erogati in caso di guasto di uno dei apparati di rete, come anche un uso più efficiente della banda disponibile.

Questo articolo tratta della configurazione rapida del bonding su sistemi Ubuntu in modalità active/backup. Questa modalità non prevede bilanciamento di carico, ma garantisce tolleranza ai guasti degli switch di accesso.

Entriamo ora nei dettagli della configurazione. Read more…

Windows e lo schermo rovesciato

August 27th, 2012 No comments

Usando una particolare combinazione di tasti, sotto Windows, è possibile capovolgere il contenuto  dello schermo. Se fatta in modo incidentale questa cosa può essere fonte di panico come è successo a mio suocero 😀

La combinazione di tasti “incriminata è CTRL+ALT+FRECCIA GIU’. Per ripristinare la situazione normale,invece, basta premere CTRL + ALT + FRECCIA SU (vedi figura sotto)


Indoona – chiamate gratis fino al 31-12-2011

October 10th, 2011 No comments

Ho già parlato in un precedente articolo di questo nuovo servizio offerto da Tiscali. Voglio solo segnalarvi che fino a fine anno sarà possibile CHIAMARE GRATUITAMENTE TUTTI I NUMERI FISSI NAZIONALI.

Aggiungo anche qualche considerazione personale soprattutto per quanto riguarda l’applicazione per iPhone. Una lacuna che secondo me va superata è il fatto che non è possibile chiamare o chattare con un’altra persona che ha installato indoona sul suo melafonino se l’applicazione non è in background…Fondamentalmente Read more…

Linux e i permessi su file e cartelle

June 13th, 2011 No comments

Per cambiare i permessi di accesso ad un file e/o cartella si utlizza il comando chmod con la seguente sintassi:

chmod [valore utente] [valore gruppo] [valore altri] -[opzione eventuale] nomefile

Di seguito l’elenco dei valori per settare i permessi sui file
7 = rwx = read, write, execute
6 = rw- = read, write
5 = r-x = read, execute
4 = r– = read
3 = -wx = write, execute
2 = -w- = write
1 = –x = execute
0 = — = no permissions

Esempio:

chmod 750 nomefile

In questo modo l’utente legge, scrive ed esegue (7), gli utenti appartenenti al gruppo leggono ed eseguono ma non possono scrivere ne cancellare (5); gli altri utenti non appartenenti al gruppo non possono accedere del tutto (0)

se si vuole cambiare i permessi ad una intera directory ricorsivamente (anche a tutte le sottodirectory e files in essa contenute)

chmod 750 -R nomedirectory/*

per assegnare invece un file ad uno specifico utente e gruppo

chown nomeutente:nomegruppo nomefile

Per aggiungere un utente ad un gruppo

usermod -G nomegruppo nomeutente